fbpx
La Masterclass
it
Photogrpah of Swiss flags on a bridge in Zurich
La Svizzera è famosa per molte cose: montagne, orologi, cioccolato, banche … e regime fiscale.

Andando un po’ indietro nel tempo, e più precisamente al 1848, scopriamo l’origine del federalismo svizzero in forma di Confederazione. Si tratta di una forma di governo “bottom-up” dove i cantoni (26) mantengono la loro sovranità, sottostando tuttavia alle direttive costituzionali della Confederazione.

Questo modello di indipendenza cantonale trova riscontro anche nella fiscalità, argomento controverso che negli anni ha sempre fatto discutere, soprattutto a livello europeo ed internazionale.

Il vantaggio principale per un investitore privato residente in Svizzera è quello di beneficiare dell’esenzione fiscale sui profitti su alcuni investimenti finanziari.

Non è raro imbattersi in sistemi fiscali cantonali diversi a pochi chilometri di distanza, che possono essere molto più favorevoli per il contribuente pur rimanendo nello stesso paese. Anche a livello comunale, ci possono essere differenze di tassazione che rendono un comune più attraente di un altro.

In Svizzera, abbiamo tre diversi livelli di tasse: federale (uguale per tutta la popolazione), cantonale e comunale. Questa diversità e autonomia hanno reso la Svizzera un paese attraente nel corso degli anni per le aziende e gli individui quando si considerano diverse soluzioni di pianificazione fiscale.

Prendendo la Svizzera nel suo insieme, l’imposta cantonale media sul reddito è del 33% per i redditi più alti, con picchi che vanno dal 44,75% di Ginevra al minimo del 22,38% di Zugo.

Benchè ci siano state diverse iniziative nel corso degli anni per armonizzare il sistema fiscale svizzero, ci sono ancora alcuni vantaggi che sopravvivono in alcuni cantoni nonostante la pressione.

La tabella seguente mostra come il sistema fiscale in Svizzera varia a seconda del cantone di residenza, per quanto riguarda l’imposta massima sul reddito.

income tax rates in the cantons 2021 diagram

Esistono svariati calcolatori fiscali online per avere un’indicazione dell’aliquota fiscale in base al reddit dove è anche possibile fare un confronto con altri cantoni e a livello internazionale.

Lasciando da parte il settore aziendale, che ha ancora i suoi vantaggi fiscali con un’ampia scelta tra i diversi cantoni, ci concentriamo sulla tassazione delle plusvalenze derivanti da attività di investimento nei mercati finanziari per un privato.

Il vantaggio principale per un investitore privato residente in Svizzera è quello di beneficiare dell’esenzione fiscale sui profitti su alcuni investimenti finanziari.

In Svizzera, un investitore è considerato dall’autorità fiscale come un investitore privato per difetto. Soggetto ad alcune condizioni*, come il volume dei ricavi degli investimenti e il periodo di detenzione dei suoi titoli, potrebbe essere considerato come un investitore professionale.

Nel dicembre 2001, i cittadini svizzeri sono stati chiamati a votare su una riforma fiscale che prevedeva l’applicazione di un’imposta del 20% su tutti i redditi da capitale superiori a 5.000 CHF.

Due terzi della popolazione hanno respinto questa proposta, sostenendo che non fosse necessaria in quanto nel paese esiste già un’imposta sul patrimonio e se davvero si vuole tassare il capital gain, dovrebbe allora essere anche possibile dedurre le perdite.

Le opinioni non sono cambiate 20 anni dopo, quando un nuovo referendum chiamato “l’iniziativa del 99%” è stato sottoposto alla popolazione svizzera, che è rimasta coerente nella sua posizione. L’obiettivo di questa proposta, introdotta dall’ala sinistra, era di implementare una tassa sui guadagni da dividendi, azioni e redditi da locazione.

Normalmente un contribuente si sente spesso spremuto dal sistema fiscale che viene percepito come una spada di damocle pronta a caderci sulla testa non appena riusciamo ad assicurarci un piccolo profitto. Ma quando invece c’è una perdita, nessuno ne tiene conto.

Tuttavia, il sistema fiscale svizzero non comporta un tale onere, poiché le plusvalenze private su beni mobili guadagnate da investitori privati residenti in Svizzera sono normalmente esenti da imposte, a condizione che l’individuo non si qualifichi come un investitore professionale.

Riassumendo, la Svizzera offre diversi vantaggi fiscali per gli investitori privati grazie al suo modello federale e all’approccio pragmatico nei confronti degli investimenti finanziari.

Se guardiamo i nostri vicini in Europa, le cose sono significativamente diverse: le plusvalenze su beni mobili sono tassate al 30% in Francia (+4% per i redditi alti), al 26% in Italia o al 26,38% in Germania (più un supplemento di solidarietà del 5,5%). Ci rendiamo allora conto di quale sistema fiscale vantaggioso abbiamo in Svizzera.

Se la plusvalenza per gli investitori non professionali non è tassata in tutta la Svizzera, essa contribuisce tuttavia ad aumentare la ricchezza dei contribuenti, che in Svizzera è tassata progressivamente secondo una scala cantonale. L’imposta sulla ricchezza varia notevolmente da cantone a cantone (approccio federale), mentre in alcuni non esiste nemmeno.

Un altro punto importante da menzionare è che, anche se il guadagno non viene realizzato, contribuisce comunque alla ricchezza totale alla fine dell’anno.

Per “ricchezza” si intende il valore di mercato di tutti i beni mobili e immobili, così come i beni di cui il contribuente è l’usufruttuario (cioè i beni da cui riceve un reddito).

La Confederazione non riscuote l’imposta sul patrimonio.

Per esempio, un investitore che ha un utile non realizzato di 100.000CHF al 31.12.2021, dovrà includere questo importo nel suo patrimonio totale nella dichiarazione fiscale. Quindi, a seconda del cantone in cui si risiede, sarà tassato sul proprio patrimonio totale.

Finora ci siamo occupati della tassazione dei redditi da capitale generati da investimenti sui mercati finanziari. La situazione è ben diversa quando si parla di tassazione dei dividendi e degli interessi, che in Svizzera sono soggetti a un’imposta alla fonte del 35%.

Introdotta nel 1965, l’imposta preventiva è applicata alla fonte su alcuni redditi da capitale su beni mobili (interessi e dividendi). L’aliquota applicabile cambia a seconda del tipo di reddito ed è soggetta a determinate condizioni. L’importo trattenuto viene rimborsato ai contribuenti svizzeri tramite la dichiarazione d’imposta annuale.

L’unica imposta federale fissa applicata agli strumenti finanziari è l’imposta di bollo, che di solito varia tra lo 0,075% e lo 0,15% sulla transazione, a seconda del prodotto sottostante (se si negozia su una borsa svizzera o su una borsa estera).

Lo scopo di questa breve analisi è quello di evidenziare i vantaggi di cui un residente fiscale svizzero che investe come investitore privato può godere in Svizzera accedendo a soluzioni di investimento su misura offerte da un istituto finanziario svizzero.

Riassumendo, la Svizzera offre diversi vantaggi fiscali per gli investitori privati grazie al suo modello federale e all’approccio pragmatico nei confronti degli investimenti finanziari.

Sono davvero poche le occasioni in cui un contribuente non deve rinunciare ad una parte del suo guadagno finanziario. Questa è una di quelle ed è definitivamente un grande incentivo per iniziare a investire.

*Le linee guida pubblicate dall’Amministrazione federale delle imposte elencano 5 criteri che gli uffici fiscali comunali e cantonali devono utilizzare per determinare lo status fiscale degli investitori. Potete essere sicuri di non essere classificati come investitori professionali solo se soddisfate tutti questi criteri:

1. Detieni titoli per almeno 6 mesi prima di venderli.

2. Il volume delle transazioni di tutti i vostri scambi di titoli combinati (totale speso per gli acquisti e totale guadagnato sulle vendite) non è superiore a 5 volte il valore totale dei vostri titoli all’inizio di un anno fiscale.

3. Le plusvalenze generate dal trading di titoli non rappresentano una parte significativa del vostro reddito di base. La regola empirica: I guadagni di capitale dovrebbero rappresentare meno del 50% del vostro reddito netto.

4. Usate il vostro patrimonio per finanziare l’acquisto di titoli. Oppure: i rendimenti tassabili come gli interessi e i dividendi sono più alti degli interessi dovuti ai prestiti.

5. Se si investe usando derivati – e opzioni in particolare – questi possono essere usati solo per coprire i propri titoli.

***

Dichiarazione di non responsabilità:
Alpian lancerà i suoi prodotti e servizi poco dopo l’entrata in vigore della sua licenza bancaria e sarà disponibile al pubblico nel terzo trimestre del 2022.
Il contenuto di qualsiasi pubblicazione su questo sito web è solo a scopo informativo.

L'autore

Jacques ha più di 8 anni di esperienza in Dukascopy Bank SA in ruoli di front office. Porta una grande esperienza nello sviluppo del business, nel supporto ai clienti e nelle procedure di onboarding. Mentre in Dukascopy ha lavorato con i clienti in diverse divisioni tra cui il retail banking, le relazioni con i clienti istituzionali e i clienti degli hedge fund. È stato anche responsabile del programma White Label di Dukascopy e ha partecipato a progetti di crypto marketing, quindi ha visto veramente di tutto. Si è laureato in Economia presso l’Università di Torino e parla correntemente inglese, francese e italiano. Jacques è un appassionato di calcio e gli piace giocare a golf e navigare sul lago di Ginevra.

This website uses cookies to improve your experience.