fbpx
La Masterclass
it
Upward angled photograph of a woman on her phone
Ogni settore ha la sua domanda da “un milione di dollari”… Nel mondo della finanza, ce ne sono un paio e a volte queste domande valgono davvero qualcosa (se non milioni, almeno qualche soldo). Una delle più famose domande è sicuramente “Qual’è il momento giusto per realizzare un profitto?”

Se siete investitori con qualche esperienza, è molto probabile che vi siate trovati almeno una volta in una di queste due situazioni:

  • Comprare un bene, godere di un bel trend rialzista ma venderlo troppo presto. Aver venduto un titolo e vederlo fare nuovi massimi ci lascia generalmente un retrogusto amaro.
  • Comprare un bene, rifiutarsi di venderlo mentre si sta facendo un profitto decente, e poi vederlo crollare e venderlo troppo tardi con un magro guadagno.

Rimpianto o rimorso, c’è un modo per sfuggire a questo destino?

Prima di addentrarci in questa domanda, iniziamo con un fatto confortante: anche i professionisti sembrano avere lo stesso dilemma. Uno studio pubblicato nel 2019, sezionando 4,4 milioni di operazioni eseguite da professionisti dell’investimento che gestiscono fondi multimilionari, rivela che se questi professionisti da un lato mostrano chiare competenze nell’acquisto di titoli, le loro decisioni di vendita non sempre sono le milgliori(le scimmie farebbero un lavoro migliore!).).

In assenza di una sfera di cristallo, vale la pena almeno avere una strategia di uscita. Una che cerca di bilanciare il costo dei rimpianti e il costo dei rimorsi. . .

Tutto questo è davvero sorprendente? Dopo tutto, a meno che voi non abbiate una sfera di cristallo, il timing dei mercati è considerato impossibile dalla maggior parte degli investitori. Ma comunque, fare peggio delle scimmie può rivelare qualcosa sulla nostra natura di investitori. Alcuni ricercatori, per esempio, sostengono che le decisioni di acquisto e di vendita coinvolgono diversi processi di pensiero, e che nel caso della vendita, il nostro giudizio può essere compromesso da diversi fattori.

quindi cosa ne facciamo? In assenza di una sfera di cristallo, vale la pena almeno avere una strategia di uscita. Una che cerca di bilanciare il costo dei rimpianti e il costo dei rimorsi.

Le ragioni comuni avanzate per vendere un bene sono di solito le seguenti:

Si può vendere se :

  • Non vi sentite più a vostro agio a tenere questo prodotto
  • Avete bisogno di soldi
  • La vostra strategia di investimento è cambiata (cioè le ragioni per cui avete comprato l’asset non sono più valide)
  • Il valore dell’asset è alto o il suo prezzo è aumentato drasticamente
  • Avete raggiunto il prezzo obiettivo che avevate fissato inizialmente

Mentre questi criteri possono essere più facili da applicare per certi tipi di asset e di operazioni, come le strategie buy and hold su azioni blue chip, in alcuni casi offrono indizi limitati. E questo è particolarmente vero per i titoli volatili e guidati dal momentum. Prendiamo l’esempio dei titoli “meme” o di alcuni asset cripto. Alla domanda “quando pensate di realizzare il profitto” molti investitori che hanno già registrato profitti sostanziali con i loro investimenti danno risposte molto vaghe “quando sarò abbastanza ricco” è probabilmente la più comune. E se cerchiamo di applicare i criteri di cui sopra, non aiuta molto. Ed è parzialmente comprensibile. In primo luogo molti investitori che si avventurano in nuovi asset cripto, mettono piccole somme che possono permettersi di perdere. In secondo luogo, se il prezzo dell’asset è salito, è improbabile che si trovino a disagio con l’asset o che rivedano la loro strategia di investimento (infatti se l’unico obiettivo era quello di arricchirsi, beh…ora siete più ricchi). Ultimo ma non meno importante, la difficoltà di valutare realmente questi beni e i rendimenti impressionanti che alcuni hanno postato di recente rendono difficile fissare un prezzo obiettivo realistico o giudicare quando il prezzo è “drammaticamente” alto.

Ma senza un piano di uscita, l’inganno è dietro la porta. Nel peggiore dei casi ci potrebbero essere conseguenze più disastrose. Considerate il seguente caso per esempio:

Supponiamo che abbiate avuto la fortuna, il 1° gennaio 2020, di scegliere quello che si sarebbe rivelato l’asset più performante dell’anno (con un incredibile rendimento del 100’000%). Avete investito 1’000 CHF e alla fine dell’anno, avete un milione di CHF sul conto. Ma poi nel marzo 2021, una serie di tweet, mandano il prezzo dell’asset a 0 (del resto è plausibile, si stima che più di 2’000 crypto asset siano falliti). Non siete molto contenti ovviamente ma vi consolate pensando che eravate pronti a perdere la somma iniziale e che fa parte del gioco. Bene, un’altra cattiva notizia sta arrivando. Marzo è di solito il momento di compilare la dichiarazione dei redditi e dovete riportare la performance che il bene ha registrato nel 2020. E anche se la plusvalenza non è tassata in Svizzera, la fortuna lo è e pertanto eravate teoricamente più ricchi di 1 milione di CHF alla fine dell’anno…

Ok, sembra una situazione estrema, ma se la vostra strategia è un gioco d’azzardo non potete escluderlo e anche se non pagate le tasse, avrete comunque perso 1’000 CHF.

Si possono trarre conclusioni da questo esempio? Sì, alcune. Se fissare un prezzo di uscita è difficile per voi, potreste provare a trovare strategie di uscita alternative, per esempio (elenco non esaustivo):

Tutto sommato, “quando realizzare un profitto” è e rimarrà probabilmente una domanda da un milione di dollari. E in assenza di una risposta soddisfacente, avere un chiaro piano di uscita vi aiuterà a mantenere il controllo.

  • Se registrate un profitto sostanziale su una posizione, perché non riprendere il vostro investimento iniziale e lasciare il resto investito? Nel caso in cui il prezzo dell’asset vada poi a 0, non subite una perdita. Nel caso in cui i prezzi del vostro bene aumentino, continuate a registrare un nuovo profitto, anche se più basso (dovreste anche tenere conto delle tasse potenziali, non si sa mai!).
  • Se non siete in grado di stimare il potenziale di un bene, potete almeno stimare cosa significa per voi un profitto realistico e il suo valore non monetario (per esempio, con questo guadagno potete godervi un bel week-end sugli sci o pagare i regali di Natale ai vostri figli).
  • Infine, se ciò che vi motiva è investire, potete anche prendere il profitto per finanziare altri investimenti.

Tutto sommato, “quando reallizare un profitto” è e rimarrà probabilmente una domanda da un milione di dollari. E in assenza di una risposta soddisfacente, avere un chiaro piano di uscita vi aiuterà a mantenere il controllo.

***

Dichiarazione di non responsabilità:
Alpian lancerà i suoi prodotti e servizi poco dopo l’entrata in vigore della sua licenza bancaria e sarà disponibile al pubblico nel terzo trimestre del 2022.
Il contenuto di qualsiasi pubblicazione su questo sito web è solo a scopo informativo.

L'autore

Victor ha più di 13 anni di esperienza nella gestione patrimoniale. Ha assistito molti individui, famiglie e istituzioni nel loro percorso finanziario nel corso della sua carriera, sia fornendo consulenza su misura per i loro investimenti, sia gestendo il patrimonio per loro conto. Ha occupato diverse posizioni chiave all’interno delle divisioni di investimento di CA Indosuez, Lombard Odier e Citi Private Bank. Ha conseguito una laurea in Bioinformatica e Modellistica presso l’Institut National des Sciences Appliquées di Lione ed è un FRM certificato. Nel tempo libero, Victor ama le letture scientifiche e la raccolta di libri rari.

This website uses cookies to improve your experience.