Take Our Masterclass
it
alejandro ocampo interview
Tutti sanno che non si può tornare indietro nel tempo… tutti, tranne Alejandro Ocampo, PhD – perché è proprio quello su cui stanno lavorando lui e i suoi colleghi dell’Ocampo Lab.

Ocampo ha ottenuto il suo dottorato nel 2012 presso l’Università di Miami. Tra il 2013 e il 2017, ha svolto un post-dottorato con Juan Carlos Izpisua-Belmonte dove ha sviluppato una nuova tecnologia per prevenire la trasmissione delle malattie mitocondriali e ha dimostrato il miglioramento dei segni distintivi associati all’età attraverso una parziale riprogrammazione cellulare.

Nell’agosto 2018, si è unito all’Università di Losanna.

Abbiamo parlato con lui della sua ricerca e di cosa potrebbe significare un mondo senza invecchiamento.

Grazie mille per averci dedicato del tempo, Prof. Ocampo! Non vediamo l’ora di collegarci con lei su questo affascinante argomento.

Grazie per avermi invitato. È un piacere condividere con lei e il suo pubblico il lavoro che stiamo facendo nel mio laboratorio.

Cominciamo forse dall’inizio, dato che i nostri lettori potrebbero non avere familiarità con l’idea di riprogrammazione cellulare. Di cosa si occupa il laboratorio Ocampo e perché potrebbe essere la chiave per invertire l’invecchiamento? Per dirla in modo un po’ provocatorio, presto saremo tutti immortali?

Il mio laboratorio si concentra su una migliore comprensione del processo di invecchiamento con l’obiettivo di sviluppare interventi terapeutici che possono rallentare il nostro invecchiamento.

Siamo particolarmente interessati all’epigenetica, il meccanismo con cui le cellule controllano il modo in cui i geni sono espressi, accesi e spenti. Durante la vita, questo meccanismo è disregolato e stiamo studiando se questa disregolazione è responsabile del processo di invecchiamento.

Per noi, l’invecchiamento è uno stato epigenetico che potrebbe essere reversibile. Per invertirlo, usiamo una tecnologia nota come riprogrammazione cellulare che ha la capacità di invertire questo programma disregolato e riportarlo a uno stato più giovane.

L’invecchiamento è il principale fattore di rischio per la maggior parte delle malattie umane, tra cui il cancro, la neurodegenerazione e il diabete, la nostra ricerca mira a rallentare il processo di invecchiamento con l’obiettivo di ridurre l’incidenza delle malattie.

In parole semplici e facendo un’analogia con i computer, le vostre cellule sono come un computer dove il DNA è l’hardware e l’epigenetica è il software. Con il tempo e l’età, il software diventa obsoleto e lento. Ora possiamo usare la riprogrammazione per riportare un vecchio computer a uno stato più giovane e più performante.

Importante, poiché l’invecchiamento è il principale fattore di rischio per la maggior parte delle malattie umane, tra cui il cancro, la neurodegenerazione e il diabete, la nostra ricerca mira a rallentare il processo di invecchiamento con l’obiettivo di ridurre l’incidenza delle malattie. Il nostro obiettivo è quello di estendere la qualità della salute, il numero di anni in cui si è sani, e non di rendere le persone immortali.

I finanziamenti nella ricerca sull’invecchiamento sono aumentati immensamente negli ultimi anni. Perché e cosa potrebbe significare?

A mio parere, ci sono molteplici fattori che hanno contribuito all’attuale aumento dei finanziamenti in questo settore. In primo luogo, ci stiamo rendendo conto che l’invecchiamento rappresenta una grande sfida per le società moderne, poiché la percentuale di persone sopra i 65 anni sta aumentando drammaticamente, e l’invecchiamento è il principale fattore di rischio per le malattie. L’invecchiamento è un problema importante.

In secondo luogo, penso che ora abbiamo solide prove scientifiche in modelli animali in cui l’invecchiamento può essere manipolato, rallentato o addirittura invertito.

Tuttavia, studiare l’invecchiamento e sviluppare interventi terapeutici per un invecchiamento sano è difficile e costoso, quindi credo che questo aumento dei finanziamenti per la ricerca, soprattutto nel settore privato, farà avanzare la ricerca molto rapidamente.

Più risorse sono impegnate nella ricerca sull’invecchiamento e nello sviluppo di farmaci, più velocemente e più a fondo si può andare.

Quali sono le principali sfide della sua ricerca?

La prima sfida è che l’invecchiamento è complesso. È probabilmente uno dei processi più complessi che osserviamo in natura. Capire un processo molto complesso è a volte molto difficile. In questa linea, l’invecchiamento è multifattoriale, non è causato da un singolo fattore, ma è il risultato di una combinazione di fattori e processi. In questa linea, l’invecchiamento è multifattoriale, non è causato da un singolo fattore, ma è il risultato di una combinazione di fattori e processi. Potete osservare molti cambiamenti nel vostro corpo quando invecchiate, ma capire quali di questi cambiamenti stanno causando l’invecchiamento o sono solo correlati all’invecchiamento, causa o conseguenza, è una questione molto difficile. Quindi, se non si capisce cosa sta causando l’invecchiamento, diventa molto difficile mirare e rallentare l’invecchiamento.

Inoltre, l’invecchiamento è un processo lungo. Gli esseri umani hanno una vita media di circa 80 anni, anche i topi possono vivere 2-3 anni, quindi studiare l’invecchiamento richiede molto tempo, è difficile e costoso. Di conseguenza, se fosse possibile eseguire una sperimentazione clinica per testare l’effetto di un farmaco sull’invecchiamento, questa sperimentazione richiederebbe decenni per essere completata e sarebbe molto costosa.

Infine, ho chiesto se fosse possibile eseguire una sperimentazione clinica, perché in questo momento, l’invecchiamento non è accettato come indicazione né dalla FDA né dall’EMA – quindi nessuna sperimentazione clinica può testare l’effetto di un farmaco sull’invecchiamento.

Dal suo punto di vista, come giocano gli investimenti nella sua ricerca? Che ruolo hanno gli investitori?

Poiché è così difficile, lungo e costoso studiare l’invecchiamento, il finanziamento è estremamente importante. Più risorse sono impegnate nella ricerca sull’invecchiamento e nello sviluppo di farmaci, più velocemente e più a fondo si può andare. Credo che nei prossimi decenni, similmente a quanto stiamo vedendo con l’intelligenza artificiale, vedremo investimenti privati e aziende giocare un ruolo importante in questo settore della ricerca rispetto alle tradizionali strutture pubbliche e accademiche.

Dove vede questo campo, e la sua ricerca, tra dieci anni?

Il campo sta avanzando molto rapidamente e vedremo grandi cambiamenti nel futuro. In termini di scienza e ricerca, penso che continueremo a migliorare la nostra comprensione dell’invecchiamento e a scoprire nuove strategie terapeutiche per prevenire o rallentare il processo di invecchiamento negli esseri umani.

Inoltre, stiamo per stabilire migliori biomarcatori, come, per esempio, l’orologio epigenetico, attualmente basato sulla metilazione del DNA, che può dirci come una persona sta invecchiando. Questi biomarcatori saranno fondamentali per gli studi clinici poiché ci aiuteranno significativamente a rilevare l’effetto degli interventi in un periodo di tempo più breve.

Penso anche che vedremo grandi cambiamenti nelle società moderne che stanno affrontando il problema dell’invecchiamento. Questi cambiamenti si verificheranno a più livelli, compresi gli individui, i paesi, i governi, le economie e i sistemi sanitari. Cambiamenti fondamentali come accettare che l’invecchiamento può essere manipolato e che potremmo essere in grado di vivere più sani e più a lungo.

i-vest è prima di tutto una piattaforma per investire nel vostro futuro, nei vostri valori e nei vostri obiettivi. Quindi vorremmo chiederle di speculare un po’ sulle implicazioni del suo lavoro. Supponendo che tutti noi possiamo vivere molto più a lungo e in salute in futuro, quali potrebbero essere le implicazioni di ciò? Come potrebbe essere diversa la vita se fossimo in grado di controllare meglio l’invecchiamento?

Questa è una domanda molto complessa, ma direi che ogni singolo aspetto della nostra vita che è influenzato dal tempo e dall’invecchiamento cambierà come conseguenza del progresso in questo campo di ricerca.

Questo includerà, da una prospettiva psicologica, il modo in cui pensiamo all’invecchiamento e alla nostra vita limitata nel tempo. Inoltre, le società, i paesi e tutte le strutture al loro interno cambieranno e dovranno adattarsi a vite più lunghe e sane. Questi includeranno i sistemi sanitari, l’istruzione, l’occupazione, i sistemi pensionistici. Potremmo avere diverse carriere durante la nostra vita, potremmo andare in pensione più tardi, potremmo ammalarci solo molto tardi nella vita, potremmo avere la possibilità di pianificare la nostra vita in termini più lunghi.

Questo è un momento incredibile per essere vivi e credo che il nostro percorso verso una vita più sana e più lunga sia già iniziato.

Grazie mille, Prof. Ocampo!

***

Dichiarazione di non responsabilità:

Alpian lancerà i suoi prodotti e servizi poco dopo l’entrata in vigore della sua licenza bancaria e sarà disponibile al pubblico nel terzo trimestre del 2022,

Il contenuto di qualsiasi pubblicazione su questo sito web è solo a scopo informativo.

L'autore

Lilli è una stratega creativa e scrittrice di Berlino. Ha creato campagne e strategie per marchi come Mercedes-Benz, Volkswagen e Jägermeister. Quando non legge, addestra i suoi due folli gatti leopardati. Si è unita al team di i-vest nel 2021 come scrittrice e redattrice.

This website uses cookies to improve your experience.