Ricerca di

i-vestories

Emi Fukahori: una tazza di gioia

byPatrick Züst
diPatrick Züst
Patrick Züst

Emi Fukahori (33 anni) non ha bevuto caffè fino a dopo i vent’anni. Poi è il caffè è diventato la sua vita: oggi è tra i migliori baristi del mondo, è comproprietaria di due caffetterie a Zurigo e passa le sue giornate ala scoperta di aromi di cui la maggior parte di noi non conosce neppure l’esistenza. La nostra innovatrice giapponese ci ha raccontato di come la sua curiosità si sia trasformata prima in una passione e poi in un business.

Signora Fukahori, la maggior parte delle persone vede il caffè solo come un prodotto. Che cosa la affascina di questa bevanda?

È vero, molte persone bevono il caffè senza pensarci. Ma c’è un intero mondo di sapori nascosto in un caffè, che può essere fruttato, speziato o avere un sentore di cioccolata. Ed è compito del barista far emergere queste sfumature. Se fatto bene, il caffè può avere il sapore di quasi tutto.

Cosa distingue un buon caffè da un grande caffè?

«Il miglior caffè è il caffè che ti piace». Questo è il motto che adottiamo nelle nostre caffetterie. I baristi non possono servirti un caffè perfetto, ma possono aiutarti a scoprirne uno che ti piace, anche se spesso è difficile, perché la maggior parte delle persone non ha mai esplorato le profondità del caffè di specialità. Cerco quindi di conoscere i miei clienti, capire cosa amano e poi aiutarli a trovare il loro caffè eccellente.

Il caffè ha sempre avuto un ruolo importante nella sua vita?

Niente affatto. Ho iniziato a bere caffè solo quando mi sono trasferita a Zurigo, una decina di anni fa. Era una piacevole attività sociale, ma non sapevo nulla di tutti processi a monte. Qualche anno dopo sono andata a un evento sociale in una torrefazione, dove ho conosciuto un barista pluripremiato e l’affascinante mondo del caffè di specialità. Ricordo ancora che mi hanno servito un caffè che sapeva di fragole. Era così diverso da qualsiasi caffè avessi mi bevuto prima e mi ha incuriosito: da dove viene questo sapore? Come fa il barista a tirarlo fuori dai chicchi? Per i sei mesi successivi, sono andata alla torrefazione ogni giorno dopo il lavoro perché volevo saperne di più. I proprietari mi hanno insegnato quello che sapevano sul caffè, che da allora è diventato una parte importante della mia vita.

h

Emi prepara un magnifico caffè. Scopri di più sul suo profilo Instagram (@emifukahori).

La ricchezza è sapere ciò che ci piace e poterlo fare finché vogliamo.

Ha iniziato a partecipare alle competizioni e dopo pochi anni è stata incoronata migliore preparatrice di caffè del mondo. Come ha raggiunto questo risultato?

Non ho mai gareggiato per vincere. La mia motivazione principale per le competizioni era quella di imparare il più possibile e penso che questo sia il motivo per cui ho avuto successo. Volevo imparare di più sul caffè, ma anche su me stessa e sui modi di presentare un prodotto a un grande pubblico. La mia vittoria al campionato nazionale svizzero nel 2015 mi ha assolutamente colta di sorpresa. Quasi tutti gli altri partecipanti erano baristi professionisti, mentre io ero solo una dilettante a cui piaceva il caffè. Poi ho avuto l’onore di rappresentare la Svizzera al campionato del mondo. I concorsi offrono a chiunque la grande opportunità di approfondire la conoscenza di tutte le sfaccettature di un argomento. È pazzesco quanto velocemente si impari preparandosi e partecipando a una competizione.

h

Mentre Emi Fukahori parla con noi, il suo team tosta il caffè. Il fruscio dei chicchi si mescola al sibilo delle tubature e alle chiacchiere cordiali. Svolgono questa operazione due volte alla settimana nella loro fabbrica. Oltre alla torrefazione, Fukahori e il suo partner Mathieu Theis possiedono due caffetterie a Zurigo. Si chiamano «Mame», che in giapponese significa «chicco». Le loro recensioni online sono eccezionali, nonostante i prezzi relativamente alti. Tuttavia, i proprietari non vogliono solo vendere bevande gustose, ma costruire una comunità di aficionados del caffè a Zurigo.

Ha qualche consiglio per le persone che sono ancora all’inizio della loro carriera?

Cercate di capire cosa vi piace e come diventare i migliori. Io ho trovato la mia strada nella preparazione di un caffè eccellente,, ma può essere qualsiasi cosa.

Lei ha scoperto la sua passione per caso. In quale altro modo si può individuare il proprio campo di interesse?

Provando più cose possibile. È anche così che sono arrivata al caffè. Soprattutto se si è giovani e non si ha nessuna responsabilità, è molto facile fare un tentativo senza alcuna pressione. Ma continuando a chiedersi: Mi piace? Voglio andare avanti? Il passo successivo è di solito circondarsi di persone appassionate della stessa cosa. È quello che mi piaceva delle competizioni: vedere come anche altre persone andassero pazze per il caffè. E questo è vero per qualsiasi tipo di industria: osserva le altre persone, parla con loro e cerca di imparare da loro. Se non fa per te, puoi semplicemente smettere. Può capitare di fare errori di tanto in tanto, ma non sono inutili, se ci servono di lezione.

Che cos’è per lei la ricchezza?

Per me è abbastanza semplice: la ricchezza è sapere ciò che ci piace e poterlo fare finché vogliamo. Ho la fortuna di avere due caffetterie e un team fantastico al mio fianco: non potrei desiderare di più.

Molte persone associano la ricchezza ai beni finanziari. Il denaro ha un ruolo importante nella sua vita?

Risparmio denaro per poterlo spendere in ciò che mi piace. Mio padre diceva sempre: «Risparmia, ma spendi» Faccio un esempio: Se scopro dei chicchi di caffè straordinari in una regione straniera, ne compro una grande quantità. Spesso il prezzo è alto, ma per me è importante e l’acquisto mi rende felice.

Il tuo partner in affari è anche il tuo compagno di vita. Come gestisce le due relazioni?

È meraviglioso: dato che condivide la mia passione per il caffè, non devo mai giustificarmi per nulla. Rende più facile la comprensione reciproca. Ma siccome abbiamo anche un’attività in comune, può sembrare che tutto ruoti sempre e solo attorno al lavoro. Fortunatamente, il mese prossimo avremo finalmente la possibilità di andare in vacanza insieme per due settimane.

Significa che si prenderà una pausa dal caffè?

(ride) Non proprio. Andremo in Costa Rica da coltivatori di caffè per discutere di nuovi prodotti. Questo è l’unico tipo di vacanza che facciamo, ma non lo cambierei per niente al mondo.

Non vediamo l’ora di provare i caffè che scoprirete. Grazie per essersi presa il tempo per questa intervista.

Circa l'autore
Patrick Züst
Patrick Züst

Patrick è diventato il più giovane corrispondente estero della Svizzera nel 2016 e poi si è trasferito a San Francisco per coprire il fiorente panorama tecnologico della Silicon Valley e degli Stati Uniti. È appassionato del mondo fintech e dei suoi risvolti futuri, dell'imprenditorialità, del coding e dello studio delle lingue. Infatti, attualmente parla 5 lingue e sta imparando il cinese.