Ricerca di

Talk Exchange

Digitalizzazione vs ambiente? Dobbiamo scegliere?

Chief Investment Officer at Alpian
Victor Cianni
Group 7 Articolo, 2 minuti di lettura

I benefici della digitalizzazione per l’uomo sono molteplici, e questo è particolarmente vero quando si tratta di investimenti e servizi bancari quotidiani. Eseguire operazioni come comprare la vostra azione preferita, aprire un conto o discutere con il vostro consulente di investimenti direttamente dal vostro divano è certamente meglio che dover fare il pendolare fino alla filiale bancaria locale e stare in coda. Ma che dire del pianeta? Andare in digitale è più verde o stiamo creando ulteriori problemi per l’ambiente?

Noi siamo Alpian, una start-up che mira a fare leva sulla tecnologia per cambiare il settore bancario, e questa è la domanda che abbiamo in mente.

Il nostro obiettivo era semplice: capire se il digital banking è meglio di quello tradizionale dal punto di vista ambientale.

Quando Opengeneva, un’associazione no-profit la cui missione è quella di promuovere e stimolare l’innovazione a Ginevra, ha lanciato la sua terza edizione del Sustainable Finance Hackathon, abbiamo colto al volo l’occasione e abbiamo sottoposto la nostra domanda come sfida all’intelligenza collettiva di studenti e accademici brillanti.

Il nostro obiettivo era semplice: capire se il digital banking è meglio di quello tradizionale dal punto di vista ambientale. E naturalmente, prepararci ad agire se la risposta fosse stata negativa.

Durante 24 ore, abbiamo fatto un brainstorming con partecipanti esperti di vari campi e culture per cercare di trovare soluzioni pratiche per valutare e misurare l’impatto della digitalizzazione in termini di emissioni di CO2. L’entusiasmo era palpabile, anche a tarda sera. Poche ore sono troppo poche per elaborare un quadro rigoroso, soprattutto per una sfida del genere, ma abbiamo tracciato una tabella di marcia. E sulla base di questi risultati incoraggianti, sappiamo in quale direzione dobbiamo andare.

Ecco alcuni interessanti risultati preliminari:

  • È possibile misurare concretamente quanto costa usare un’app bancaria o fare una chiamata con un consulente in termini di emissioni di CO2 e confrontarlo con quanto costa a qualcuno andare in una filiale locale a Ginevra per eseguire le stesse azioni.
  • Possiamo fare leva su protocolli consolidati (come il protocollo Greenhousegas) per valutare se il modello digitale ha qualche vantaggio rispetto ai modelli tradizionali.
  • Ci sono delle lacune nella metodologia esistente per determinare le impronte di carbonio nel settore bancario e potremmo trovare delle soluzioni.

Per noi questo hackathon è stato un successo. Abbiamo posto la prima pietra di un progetto ambizioso e abbiamo avuto la possibilità di lavorare con persone di talento in un set up incredibile (Campus biotech). Il tempo ci dirà se uno sprint di 24 ore è l’inizio di una collaborazione fruttuosa, ma una cosa è certa: se vogliamo lavorare per un futuro migliore, bisogna iniziare sicuramente con il capire qual è il nostro compito.

***

Disclaimer:
Alpian ha presentato una domanda per una licenza bancaria completa all’Autorità di vigilanza dei mercati finanziari svizzera (FINMA). Il contenuto di questa pubblicazione è a solo scopo d’informazione. Pertanto quest’ultima non è da interpretarsi come consulenza legale, fiscale, d’investimento, finanziaria o di altro genere.

Group 7 Articolo, 2 minuti di lettura
Circa l'autore
Victor Cianni
Chief Investment Officer at Alpian

Victor ha più di 13 anni di esperienza nella gestione patrimoniale. Nel corso della sua carriera ha assistito molti individui, famiglie e istituzioni nel loro percorso finanziario, sia fornendo consigli personalizzati sui loro investimenti sia gestendo attività per loro conto. Ha occupato diverse posizioni chiave nelle divisioni di investimento di CA Indosuez, Lombard Odier e Citi Private Bank. Ha conseguito una laurea in ingegneria in bioinformatica e modellazione presso l'Institut National des Sciences Appliquées di Lione, ed è un FRM certificato. Nel suo tempo libero, Victor ama le letture scientifiche e la raccolta di libri rari.