fbpx
La Masterclass
it
Cutting up courgette - invest in sustainable food
Quanto pesa l’impatto della tua dieta sulla tua impronta di carbonio? Come puoi mangiare in modo più sostenibile? Come fare una scelta informata al supermercato? Tutte queste domande sembrano travolgenti all’inizio, ma possono essere facilmente affrontate con un po’ di ricerca e nuove abitudini.

Nel seguente testo ho cercato di darvi la mia opinione su alcune di queste domande sulla sostenibilità senza alcuna garanzia di completezza. È un argomento caldo dove molti di noi sono d’accordo o in disaccordo, tuttavia, ci sono tre cose ineludibili su cui dovremmo essere tutti d’accordo quando si tratta di un modo di vivere più sostenibile: ridurre, riutilizzare, riciclare.

Se volete ridurre la vostra impronta di carbonio, iniziate qualsiasi idea culinaria controllando prima il calendario regionale di frutta e verdura.

Metti la stagionalità e la regione prima della ricetta

C’è sempre il sole nel sud della California, ma noi viviamo in Svizzera…
Ricordi quel fantastico piatto che hai mangiato a una cena 3 mesi fa? Capisco perfettamente che tu voglia replicarlo e mostrare ai tuoi ospiti la tua bravura in cucina. Tuttavia, se hai mangiato il piatto a giugno e ora siamo a settembre, potresti voler modificare la ricetta e considerare ingredienti diversi. Ogni stagione ha il suo specifico assortimento di prodotti, quindi inizia a mettere questo concetto al primo posto. Non prendere una ricetta e andare a fare la spesa senza aver consultato un calendario stagionale per scoprire cosa è disponibile di fresco. Tutti sanno che non ci sono fragole a gennaio e che non si possono avere asparagi a settembre; questi sono solo alcuni dei tanti prodotti che si possono comprare più o meno tutto l’anno e che la natura non ha voluto che fossero sempre di stagione. Questa richiesta di prodotti fuori stagione non aiuta la crescente impronta di carbonio.

Fare la spesa al mercato locale vi fornirà per lo più prodotti regionali che sono di stagione, ma se non avete tempo o è semplicemente più conveniente andare in un supermercato, allora prendetevi del tempo per studiare l’etichetta “da dove viene”. Se volete ridurre la vostra impronta di carbonio, iniziate qualsiasi idea culinaria controllando prima il calendario regionale di frutta e verdura. Trovare prodotti di base che possono essere facilmente conservati tutto l’anno non è un problema, ma forse non vuoi comprare le mele che sono conservate in un magazzino freddo per mesi che consuma molta energia. Basta controllare prima di fare la spesa i prodotti che sono disponibili in questo momento. Prendi le tue ricette nel giusto ordine stagionale (inverno, primavera, estate, autunno). Non iniziare con una ricetta sofisticata che sembra e suona bene, inizia con i prodotti sofisticati, freschi e locali che la natura ti ha destinato a procurarti!

sustainable food cutting tomatoes during the summer

Scegli il tuo diavolo

“La dose fa il veleno” – Paracelso. Aggiungiamo un po’ di contenuto e di contesto a questa importante citazione. Ogni tipo di dieta ha un impatto sul pianeta in qualche forma, tuttavia, puoi scegliere quanto grande sia. L’europeo medio consuma circa 65 kg di carne all’anno, che equivale a 1,25 kg a settimana. La produzione di carne, specialmente quella di manzo e di agnello, provoca la maggior parte dei gas a effetto serrae ha un impatto drastico sulla deforestazione e sull’uso dell’acqua. D’altra parte, la produzione di soia (usata soprattutto come mangime per il bestiame) e l’olio di palma (che ora si trova nella maggior parte dei cibi lavorati) sono la seconda e la terza causa della deforestazionedella foresta pluviale. Anche la produzione di alimenti sani come le noci, la quinoa e l’avocado ha un impatto ambientale negativo, dato che sono spesso prodotti in circostanze discutibili.

Quindi siamo tutti condannati ad adattare la fotosintesi per avere un pianeta vivibile in futuro? No! Tutti questi fatti che ho appena citato servono a dimostrare che non esiste davvero una dieta che non faccia male a nessuno o a niente. Come ho detto prima, puoi scegliere quanto è grande il tuo impatto o la dose che fa il veleno. Se sei un amante della carne magari riduci il tuo consumo: invece di mangiare 3-4 volte a settimana un pasto a base di carne fallo solo una o due volte. Sii consapevole del tuo consumo: il tuo panino stamattina era con il prosciutto? Avete bisogno di pancetta nella vostra insalata? Tutte queste piccole cose si sommano nel corso dell’anno. Non puoi vivere senza il tuo avocado toast al mattino? Mangialo una volta alla settimana e avrà un sapore migliore perché non vedi l’ora di mangiarlo, e prova anche cose nuove. La quinoa cresce anche in Europa. Potrebbe essere un po’ più costosa ma ha sicuramente un impatto migliore sul pianeta.

Tutto questo può essere abbastanza travolgente, quindi non devi fare tutto in una volta, ma magari inizia cercando l’impatto di alcuni dei tuoi alimenti con un calcolatore di impronte di carbonio. Sareste sorpresi dal risultato. 100g di avocado dal Perù o 100g di polli biologici dalla Svizzera – quale ha l’impatto maggiore? (Spoiler: il pollo!)

Non pensare che perché sei vegano sei totalmente esente. Controlla gli ingredienti dei tuoi falafel preconfezionati o delle alternative vegane alla carne, molti contengono olio di palma, quindi perché non fare da soli le tue alternative vegane la prossima volta? Nessuno può essere all’altezza di tutti i consigli e le notizie, ma puoi applicare alcune regole di base alla tua dieta quotidiana: mangia fresco, locale, di stagione, il meno lavorato possibile e una varietà di prodotti. Puoi anche controllare il tuo impatto di carbonio sul tuo cellulare.

Circa un terzo del cibo acquistato in Svizzera viene buttato via. Chiunque può ridurre enormemente la propria impronta di carbonio comprando solo il cibo che mangerà veramente.

Sostieni il tuo venditore di cibo locale

Finora abbiamo toccato l’argomento di quando comprare certi alimenti e quanto spesso consumarli. Ma dove comprare gli alimenti in generale? La scelta più conveniente sarebbe ovviamente il supermercato dietro l’angolo, ma è la scelta più sostenibile? Quanto è brutto fare la spesa online? Quali sarebbero le alternative adatte?

Cominciamo dall’inizio. Prima di comprare cibo, assicurati di averne davvero bisogno. Circa un terzo del cibo acquistato in Svizzera viene buttato via. Chiunque può ridurre enormemente la propria impronta di carbonio comprando solo il cibo che mangerà veramente. Quando si tratta di supermercati, c’è una buona scelta in Svizzera. Le due maggiori catene hanno i loro programmi per ridurre l’impronta di carbonio nella loro catena di approvvigionamento. La scelta al supermercato è vostra per quanto riguarda l’acquisto di qualcosa di locale e di stagione. Fate le vostre ricerche e prendete decisioni informate.

Come detto prima, il mercato locale fresco è il migliore. Comprare frutta e verdura nei mercati ti permette di scoprire cose che normalmente non troveresti in un supermercato ordinario, con diverse varietà di prodotti che potresti anche non sapere che esistono. Se stai cercando un’alternativa ai supermercati per le tue scorte di cibo secco, controlla i negozi all’ingrosso. I prodotti non sono confezionati e puoi ridurre i rifiuti di plastica portando i tuoi contenitori.

E se facessi la spesa online? Gli studi su questo argomento non sono così chiari e dipende davvero da quello che compri e da quanto velocemente vuoi che ti venga consegnato a casa. Riempire la tua dispensa con cibo biologico sostenibile che non puoi trovare nel tuo supermercato locale potrebbe diminuire il tuo impatto. Ordinare prodotti surgelati e freschi consegnati il più presto possibile potrebbe aumentare il tuo impatto. Come sempre, la scelta è tua!

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta sul blog EHL Insights.

Questo articolo fa parte di una serie di pubblicazioni che offre al pubblico alternative sostenibili per migliorare il nostro ambiente, la nostra società e il mondo in cui viviamo.

Fin dalla sua nascita, la sostenibilità è al centro della visione di Alpian per un mondo migliore, e abbiamo fatto dei passi per diventare parte della soluzione. Come organizzazione, ci siamo impegnati ad operare in modo sostenibile aderendo ai più alti standard globali. Per esempio, abbiamo intessuto forme tangibili e significative di riduzione del carbonio nell’esperienza Alpian come mezzo per contribuire positivamente all’ambiente.

Rimanete sintonizzati per ulteriori aggiornamenti su questo fronte.

***

Dichiarazione di non responsabilità:
Alpian lancerà i suoi prodotti e servizi poco dopo l’entrata in vigore della sua licenza bancaria e sarà disponibile al pubblico nel terzo trimestre del 2022.
Il contenuto di qualsiasi pubblicazione su questo sito web è solo a scopo informativo.

L'autore

Ehrhard Busch proviene da una famiglia tedesca di ristoratori. Dopo l’apprendistato di cuoco e gli studi universitari a Monaco, le sue qualifiche lo hanno portato in ristoranti stellati Michelin a Parigi e Londra. Ora è alla EHL svizzera, dove quattro anni fa ha lanciato il “The Green Corner” della scuola, promuovendo un menu vegetariano/vegano per studenti e personale. Ehrhard si descrive come “un vegetariano con tendenze vegane”.

This website uses cookies to improve your experience.