fbpx
La Masterclass
it
mural kobe bryant

da Roman Balzan

Chief Marketing Officer at Alpian

Roman Balzan profile picture
In che modo la “Mamba Mentality” della leggenda del basket Kobe Bryant può cambiare il modo in cui vivete la vostra vita e l’approccio al vostro lavoro?

Kobe Bryant è stato un grandissimo campione di basket, una leggenda. E’ considerato uno dei più grandi atleti di tutti i tempi. I suoi successi saranno citati per molti anni a venire. Purtroppo, un incidente in elicottero ha messo fine alla sua vita il 26 gennaio 2020. L’improvvisa e tragica scomparsa di Bryant e di sua figlia ha profondamento toccato il mondo sportivo e non solo.

Mentre molti ricordano le sue leggendarie abilità sul campo da basket, c’è un altro elemento che ha avuto un impatto duraturo e potente: la “Mamba Mentality” dell’atleta.

Con questo articolo cercherò di riassumere il suo libro “The Mamba Mentality: How I Play by Kobe Bryant”e di esaminare la filosofia e la saggezza che ne è scaturita.

Come giocatore di basketball di alto livello, Kobe Bryant ha avuto una carriera leggendaria

Ci sono pochi giocatori del calibro di Kobe Bryant. È diventato una vera star del basket e un grande campione in pochi anni. Ma cosa ha ottenuto esattamente?

Kobe Bryant è nato il 23 agosto 1978 a Philadelphia. Molto presto si appassiona al basket. Nel 1996, a soli 18 anni, è stato selezionato per giocare nella squadra dei Los Angeles Lakers nella NBA (National Basketball Association). Vi rimase per tutta la sua carriera, 20 stagioni, fino al 2016.

Questa squadra era la sua seconda famiglia. Fece di tutto per migliorare il rendimento e la coesione dei Lakers. Lui e il suo compagno di squadra Shaquille O’Neal formarono uno dei duo più famosi della storia dell’NBA, con una serie di imprese e titoli: come la storica tripletta del Campionato NBA nel 2000, 2001 e 2002.

In totale, fino al suo ritiro a 37 anni, ha giocato ben 1.346 partite!

La sua tecnica gli ha permesso di collezionare titoli:

  • Top scorer dell’NBA nel 2006
  • Miglior giocatore del decennio 2000
  • Cinque titoli di campione NBA
  • Doppio campione olimpico nel 2008 e nel 2012
  • Oltre 6.000 rimbalzi e assist
  • 81 punti contro i Toronto Raptors nel 2006 (la seconda prestazione nella storia dell’NBA)
  • 33.643 punti nella stagione regolare. Solo Kareem Abdul-Jabbar e Karl Mal hanno fatto meglio.

La sua aura era tale che le sue due maglie – numero 8 e 24 – sono state ritirate dai Lakers in segno di rispetto quando ha smesso di giocare.

La più grande passione di Kobe Bryant era il suo lavoro

Il destino di Kobe Bryant è iniziato con il fascino del basket. Da bambino, Kobe Bryant ha ricevuto il suo primo pallone da basket da suo padre. Questo semplice regalo lo affascinò tantissimo.

Non ha mai smesso di ammirarne la forma, il colore, la consistenza della pelle granulosa, le scanalature perfette. Il suo fascino era tale che non voleva nemmeno giocarci per paura di danneggiarlo! Fortunatamente, la sua curiosità era più forte e lo spinse a provare. Poi scoprì un altro elemento eccitante di questa palla: il suo rimbalzo, con il suo caratteristico e regolare suono martellante. Questi piccoli dettagli sono all’origine della passione di Kobe Bryant per il basket. Tutto il resto, lo sforzo, il successo o la fama, non erano niente. Ha conservato questo amore per la palla e quindi il suo lavoro professionale per tutta la vita.

Questa passione gli ha permesso di andare più lontano di altri giocatori di basket. Infatti, i sacrifici richiesti dall’alto livello di questo sport non erano davvero uno sforzo per lui. Al contrario, rappresentavano la materializzazione sempre maggiore di questo amore iniziale. Di conseguenza, ha fatto tutto il possibile per imparare e progredire.

Se a volte sembrava invadente, individualista e feroce, era perché faceva costantemente domande e cercava modi per migliorare il suo gioco e andare oltre. Per esempio:

  • quando osservava un gesto tecnico che non conosceva, si esercitava senza sosta fino a padroneggiarlo perfettamente.
  • Quando falliva, si valutava, in modo quasi ossessivo, per scoprirne la causa.

In breve, la passione di Kobe Bryant per il basket è iniziata con la palla e si è evoluta nella sua pratica. Il suo allenamento intensivo e la sua curiosità spiegano come abbia potuto raggiungere un tale livello.

In che modo la “Mamba Mentality” lo ha spinto a cercare sempre l’eccellenza

Kobe Bryant mostrava passione, motivazione fuori dal comune e dedizione al suo lavoro. Ha chiamato questo atteggiamento la “Mamba Mentality”, riecheggiando il nome di uno dei serpenti più pericolosi del mondo.

Secondo Kobe Bryant, il talento (skillset) non era nulla senza il lavoro (mindset). Si potrebbe pensare che il talento sia radicato e naturale nelle stelle. Ma non è così.

Al contrario, il duro lavoro ti permette di dare il meglio di te quando le cose vanno male, per esempio, in situazioni di gioco difficili.

Il duro lavoro può essere la vostra rete di sicurezza: anche quando le cose vanno male. Siete, in questo modo, costantemente solidi e pericolosi per i vostri avversari. Quindi, la mentalità mamba è, soprattutto, uno stato d’animo che fa di tutto per superarsi costantemente. Necessita di:

Onestà: Kobe è sempre stato onesto e fedele alla sua squadra. Ha avuto molte opportunità di entrare in un’altra squadra, ma è rimasto con i Lakers per tutta la sua carriera. Potete chiamarlo pazzo, ma è questo che sono le persone oneste: non sono egoiste e pensano agli altri piuttosto che trarre benefici per se stessi.

Concentrazione: La passione con cui Kobe ha giocato tutti questi anni nella NBA è nota a tutti. Si tratta di dare priorità agli obiettivi professionali rispetto all’equilibrio tra lavoro e vita privata. Si tratta di giocare con la massima concentrazione e di padroneggiare il proprio gioco con un solo desiderio: vincere e nient’altro!

Ottimismo: Kobe è rimasto ottimista nel vincere una partita o il titolo NBA anche in scenari sinistri. Essendo stato campione cinque volte ma anche secondo classificato in due occasioni, sapeva come ci si sente a perdere dopo aver lavorato così duramente durante tutta la stagione. Ecco perché è rimasto ottimista e ha costantemente ispirato, responsabilizzato e motivato la squadra a dare il meglio di sé, in modo da non avere rimpianti in seguito.

Passione: Kobe ha giocato ogni partita con lo stesso entusiasmo e passione come se stesse giocando la finale dei playoff. La mentalità del lavoro costante e della spinta attraverso i limiti, senza mai arrendersi, senza mai cadere e continuando a spingere.

Impavidità: Kobe era sempre senza paura, e prendeva di petto ogni avversario con un atteggiamento che alcuni consideravano impulsivo o rude, ma è così che Kobe si è guadagnato la sua reputazione. Come professionista completo, Kobe è stato uno dei più grandi giocatori che il gioco abbia mai visto. È una storia di immensa concentrazione, grinta e determinazione contro ogni previsione.

La mentalità mamba è un viaggio verso l’eccellenza. Kobe Bryant era così ossessionato da questa ricerca che lavorava senza sosta:

  • quando i suoi compagni di squadra si rilassavano o andavano a casa, Kobe Bryant tornava in palestra.
  • Si allenava sempre prima degli altri, a partire dalle sei del mattino. Se fosse stato necessario, avrebbe dormito meno!
  • Si allenava prima che i suoi figli si svegliassero e tornava a casa per salutarli. E la sera aspettava che andassero a letto prima di tornare ad allenarsi. Le sue sessioni notturne divennero leggendarie.

Era così determinato che nemmeno le ferite lo fermavano:

  • L’11 dicembre 2009, si è ferito un dito nel bel mezzo di una partita. La radiografia, fatta frettolosamente nel corridoio, ha rivelato una frattura. Tuttavia, ha chiesto solo una fasciatura per tornare a giocare! In seguito, ha passato lunghe ore a ripensare al suo modo di tirare perché non poteva più usare la stessa forza su quel dito.
  • Il 12 aprile 2013, si è infortunato di nuovo durante una partita. Questa volta il suo tendine d’Achille si era appena strappato. Nonostante questo, è riuscito a camminare fino alla panchina da solo, il che era già un’impresa. Quando il time-out è ripreso, ha attraversato tutto il campo per prendere due tiri liberi, che hanno permesso alla sua squadra di pareggiare la partita. Non fu operato fino al giorno successivo.

Non si è mai lamentato delle sue ferite. Secondo lui, non c’era motivo di farlo perché bisognava continuare ad andare avanti e non cedere mai agli ostacoli, qualunque essi fossero.

Secondo Kobe Bryant, il talento (skillset) non era nulla senza il lavoro (mindset). Si potrebbe pensare che il talento sia radicato e naturale nelle stelle. Ma non è così.

Per eccellere sotto pressione, imparare a gestire le proprie emozioni

Secondo Kobe Bryant, oltre alla determinazione e al duro lavoro, un campione doveva avere un’altra corda al suo arco: la capacità di gestire efficacemente le proprie emozioni.

Qual è il modo migliore per farlo?

Secondo il giocatore di basket, per controllare le proprie emozioni bisogna essere molto concentrati sul presente. Bisogna evitare che la mente vaghi inutilmente. Kobe Bryant ha approfondito la sua concentrazione attraverso la meditazione con il suo allenatore Phil Jackson.

A differenza di altri compagni di squadra che ascoltavano la musica, lui trovava il silenzio utile perché portava la calma, soprattutto prima dei momenti cruciali.

Tuttavia, riconosceva anche il potere della musica per mettersi in un particolare stato d’animo. Per esempio, ascoltava:

  • Hard rock per darsi energia
  • Musica che ascoltava al liceo per rilassarsi

Secondo la “Mamba Mentality”, gestire le proprie emozioni richiede anche un’autoanalisi, chiedendosi: “Di cosa ho bisogno mentalmente in questo momento? Così facendo, troverete in modo efficiente le risposte corrette.

Kobe Bryant ha sviluppato anche un’altra tecnica, in cui si concentrava sulle emozioni negative che provava durante una sconfitta. Queste emozioni erano spesso intense come quelle che provava quando vinceva, quindi cercava sempre di evitarle.

Inoltre, Kobe si è ispirato ai suoi mentori per cercare di essere come loro: i giocatori di basket Bill Russell, Kareem Abdul-Jabbar, Magic Johnson e persino il pugile Mohammed Ali! Tuttavia, si è affidato principalmente alla sua passione e alla sua motivazione.

In effetti, non bisogna lasciarsi destabilizzare quando la sete di eccellenza vi spinge a mettervi più pressione di quanta già non ne abbiate!

Per controllare le emozioni durante le situazioni di stress, vivete nel presente, ascoltate le emozioni negative per superarle, e seguite l’esempio delle persone che vi ispirano.

Infine, non rinunciate mai alla vostra motivazione!

Concentratevi sulla preparazione fisica e sull’allenamento/apprendimento per rendere al meglio

Il lavoro fisico e l’allenamento/apprendimento sono le chiavi del futuro successo. Dovete quindi eseguirli con intelligenza e concentrazione. Come potete farlo?

Anche se può sembrare contraddittorio visto il suo comportamento quando era infortunato, Kobe Bryant ha sottolineato l’importanza di ascoltare il suo corpo. Il suo obiettivo era dare tutto, ogni volta, per vincere.

Per ottenere lo stesso risultato, dovete sapere cosa potete chiedere a vois stessi. Se non vi ascoltate abbastanza:

  • Potreste non conoscere i vostri limiti nei momenti critici e rischiereste di farvi male.
  • You could not be able to give 100% of your abilities

Potreste non essere in grado di dare il 100% delle vostre capacità. Per esempio, ascoltando il suo corpo, Kobe ha ottenuto che Nike – il suo sponsor ufficiale – si piegasse al suo modello di scarpe da ginnastica, che prima era sempre alto. Invece, voleva indossare scarpe da ginnastica basse, come i giocatori di calcio, perché aveva ascoltato il suo corpo, che richiedeva più mobilità intorno alle caviglie.

Una volta che avete capito le esigenze del vostro corpo, riscaldatevi perché questo riattiva la memoria muscolare.

Per esempio, Kobe Bryant iniziava sempre i suoi allenamenti con lanci brevi e poi faceva lanci sempre più lunghi. Conosceva anche altri trucchi che usava per ottimizzare i suoi allenamenti:

  • Sessioni di sprint per ridurre il tempo di recupero
  • La forma fisica fa sempre la differenza quando tutti gli altri giocatori sono esausti alla fine della partita. È quindi essenziale costruire forza e resistenza. Per esempio, ogni settimana, Kobe Bryant faceva almeno quattro allenamenti di 90 minuti Pisolini di
  • 15 minuti quando è troppo stanco Dopo un duro allenamento o una partita, applicare del ghiaccio sulle ginocchia e sui piedi per 20 minuti per accelerare il recupero e prevenire le infiammazioni
  • Dopo un duro allenamento o una partita, applica del ghiaccio alle ginocchia e ai piedi per 20 minuti per accelerare il recupero e prevenire l’infiammazione
  • Pratica degli shock termici per rafforzare il corpo: alternare docce calde con docce fredde o bagni di ghiaccio per alcuni minuti
  • Per rafforzare le caviglie e per evitare infortuni al ginocchio, ballate il tip tap!
  • Esercitatevi ad essere ugualmente bravi con entrambe le mani. Questo vi permetterà di reagire nel modo migliore in un momento decisivo. Per esempio, lavatevi i denti con la mano sinistra se siete destri
  • Scegliete un buon fisioterapista. Le sue competenze influenzeranno direttamente il vostro recupero fisico
  • In definitiva, le vostre prestazioni sul campo dipendono da molteplici fattori direttamente legati alla qualità del vostro allenamento. Non trascuratelo!

Secondo la “Mamba Mentality”, gestire le proprie emozioni richiede anche un’autoanalisi, chiedendosi: “Di cosa ho bisogno mentalmente in questo momento? Così facendo, troverete in modo efficiente le risposte corrette.

Una partita è come una lotta, non avete mai paura del confronto

Il pubblico forse non lo sa, ma tutti i top player vedono questa verità: bisogna “amare la lotta” e il conflitto, sia fisico che mentale, per essere un grande giocatore.

Perché?

La maggior parte dei giocatori di alto livello sono professionisti. Giocano per vincere, a volte affrontando enormi poste in gioco per la loro carriera. Quindi, i giocatori professionisti:

  • Fanno tutto il possibile per “danneggiare” l’avversario con metodi consentiti dal loro sport
  • Fanno numerosi falli, volontari o meno, per impedire all’avversario di segnare quando sono in difficoltà
  • Danno il meglio di loro stessi e sono naturalmente offensivi. Tutti hanno un ego più o meno “grande”, il che spiega perché non sopportano la sconfitta
  • Di conseguenza, i colpi, l’intimidazione e la destabilizzazione fisica fanno parte della vita quotidiana di un giocatore. Come giocatore di alto livello, se non siete pronti ad affrontare qualsiasi avversario, anche se è più forte di voi, non avete il diritto di stare in campo.
  • Non dovreste mai lasciare che qualcun altro vi abbatta o vi spaventi. Invece, dovreste diventare come un cane d’attacco, eccitandovi con i colpi e non lasciandovi andare. Siate consapevoli che l’avversario più aggressivo e determinato spesso vince contro uno o più avversari, anche se sembrano più forti.

La mente è un fattore determinante in un conflitto.

Il vostro avversario vi spingerà a compiere azioni che non volete fare in entrambi i casi. Per esempio:

  • Nella pallacanestro, faranno dei passaggi alti se sanno che avete un leggero infortunio alla caviglia e non potete saltare molto in alto Palleggeranno basso se siete alti
  • e il vostro centro di gravità è più alto del loro Vi spingeranno
  • a difendere se siete più a vostro agio in attacco e viceversa
  • Fingeranno un salto che non faranno
  • Ostruiranno la visuale per impedirvi di passare o tirare
  • Per evitare di fallire e avere la meglio sull’avversario, dovreste quindi
  • Lavorare sulle basi e sui punti deboli per evitare di essere presi alla sprovvista
  • Concentrarsi sui propri punti forti
  • Studiare i punti deboli degli avversari. È anche più divertente immaginare soluzioni a ciò che accade sullo schermo. Cosa sarebbe successo se aveste agito diversamente?
  • Stancare volontariamente l’avversario, costringendolo a compiere azioni che non padroneggia bene
  • Sviluppare un senso del gioco per capire cosa succederà prima degli altri. È così che sarete in grado di fare passaggi o tiri “magici”.

Non abbiate paura del conflitto per essere efficaci nelle vostre azioni. Al contrario, siate un guerriero versatile e formidabile sul campo!

Al di là dei suoi record e dei titoli vinti, ha dato tutto per vivere della sua passione senza porsi limiti.

Cosa possiamo trarre dal Mamba Mindset di Kobe

  • Per 20 stagioni, Kobe Bryant è stato una vera risorsa per i Lakers ed è diventato una leggenda del basket
  • Ha raggiunto i massimi livelli grazie alla sua ricerca dell’eccellenza e alla sua passione
  • Ha raggiunto i suoi obiettivi attraverso il duro lavoro e la determinazione
  • La qualità dell’allenamento e dell’apprendimento determina la qualità del tuo gioco
  • La preparazione mentale e la gestione delle vostre emozioni sono utili per adattarsi a tutte le situazioni
  • Per eccellere in un gioco, dovete godervi il conflitto e cercare di superare i vostri avversari

Più che un grande giocatore di basket, Kobe Bryant è stato un gran lavoratore e un modello per un’intera generazione. Al di là dei suoi record e dei titoli vinti, ha dato tutto per vivere della sua passione senza porsi limiti. Ha cercato di migliorare giorno dopo giorno. È stato il suo fuoco interiore a creare la leggenda.

Riuscirete a trovare il vostro?

Tratto da “The Mamba Mentality: How I Play by Kobe Bryant”

***

Dichiarazione di non responsabilità:

Alpian lancerà i suoi prodotti e servizi poco dopo l’entrata in vigore della sua licenza bancaria e sarà disponibile al pubblico nel terzo trimestre del 2022,

Il contenuto di qualsiasi pubblicazione su questo sito web è solo a scopo informativo.

L'autore

Roman ha conseguito un master in economia presso l’Università di San Gallo HSG. È un esperto stratega di marca e di marketing e si definisce un “pazzo-creativo-pensiero”. Ha iniziato la sua carriera presso l’”Istituto IFJ per giovani imprenditori / Venturelab.ch” come Senior Project Manager prima di fondare Suxedoo.ch. In seguito è entrato in Google come responsabile dei programmi per il marketing del marchio del datore di lavoro in EMEA. Nel 2018 è stato assunto da Lime, il gigante degli scooter con sede negli Stati Uniti, per sostenere il lancio del primo mercato europeo dell’azienda, la Svizzera, dopodiché ha guidato gli sforzi di Lime per il marketing e il marchio EMEA prima di entrare a far parte di Alpian. Roman ama talmente tanto le escursioni che nel 2009 ha percorso 2300 km sul Cammino di Santiago con il suo cane Nelson. Ha camminato da San Gallo a Santiago de Compostela, nella Spagna occidentale.

This website uses cookies to improve your experience.