Ricerca di

Wealth Wise

La psicologia dell’investimento: Prendere decisioni migliori

Co-founder of Neuroprofiler
Tiphaine Saltini
Group 7 Articolo, 6 minuti di lettura

L’obiettivo dell’economia comportamentale è di modellare e quantificare l’impatto dei fattori psicologici come le emozioni, le percezioni errate e i pregiudizi cognitivi sulle nostre decisioni finanziarie.

Il test profitto-perdita

Immaginate di dover scegliere tra un pulsante blu e un pulsante rosso. Se premi il pulsante blu, hai la garanzia di trovare 50 CHF accreditati sul tuo conto bancario. E puoi tenere quei soldi, senza vincoli. Se invece premi il pulsante rosso, hai il 50% di possibilità di ottenere 100 CHF e il 50% di non ottenere nulla.

Cosa scegli? Premi il pulsante blu e perdi la possibilità di vincere 100 CHF? Oppure premi il pulsante rosso e rischi di rimanere a mani vuote? Gli studi hanno dimostrato che la maggior parte delle persone sceglierebbe il pulsante blu. La certezza assoluta di guadagnare 50 CHF li attrae di più del rischio di non vincere nulla.

Un pregiudizio cognitivo è un errore di pensiero causato dal tentativo del nostro cervello di semplificare le informazioni.

Ora, capovolgiamo lo scenario.

Questa volta, se premi il pulsante blu, 50 CHF vengono immediatamente detratti dal tuo conto bancario. Ma, se premi il pulsante rosso, c’è il 50% di possibilità che 100 CHF siano detratti dal tuo conto e il 50% che il tuo conto rimanga intatto. Proprio come nel caso precedente, premere il pulsante blu offre un risultato chiaro, mentre il pulsante rosso offre lo stesso livello di rischio di prima – 50%. Tuttavia, invece di guadagnare 100 CHF, questa volta potresti perdere 100 CHF.

Sorprendentemente, in questo scenario, la maggior parte delle persone sceglie di premere il pulsante rosso, anche se questo potrebbe causare loro il doppio delle perdite. Quindi, perché la maggior parte delle persone eviterebbe di correre un rischio per guadagnare 50 CHF, ma correrebbe il rischio per evitare di perdere 50 CHF?

h

Riconoscere i pregiudizi

Questa divergenza dal pensiero analitico si chiama pregiudizio cognitivo. Si tratta di un errore nel pensiero causato dal tentativo del nostro cervello di semplificare le informazioni. Mentre il cervello ben intenzionato intende aiutarci a prendere decisioni più rapide, navigare nella vita quotidiana e riconoscere rapidamente i modelli, tende anche a sviluppare certe nozioni preconcette che hanno un impatto sul nostro giudizio complessivo.

Secondo il dottor Daniel Kahneman, una delle figure più influenti dell’economia comportamentale, il nostro cervello ha due modi di lavorare:

  • Sistema 1 – veloce, inconscio, senza sforzo e intuitivo. Questo sistema si basa su scorciatoie mentali ed è soggetto alla maggior parte dei pregiudizi cognitivi.
  • Sistema 2 – lento, logico, scrupoloso e deliberativo. Questo sistema è usato quando risolviamo problemi di matematica a scuola o spieghiamo concetti complicati a un amico.

L’avversione alla perdita è uno di questi pregiudizi cognitivi creati in situazioni in cui il cervello usa il Sistema 1. Ci rende, in media, due volte più sensibili alle perdite che ai guadagni. Come nel nostro esempio sopra, prendiamo rischi per evitare di perdere, ma non per vincere di più. Abbiamo anche una percezione errata delle probabilità, o delle possibilità che un evento si verifichi. In media, grandi probabilità, come schiantarsi con una macchina, saranno sottovalutate e piccole probabilità, come vincere al casinò, saranno sopravvalutate.

h

Uno spostamento di pensiero

L’innovazione chiave dell’economia comportamentale è incorporare questi pregiudizi cognitivi nei modelli economici classici. Questi modelli classici erano costruiti sul presupposto che gli individui fossero razionali ed egocentrici. L’introduzione di emozioni e pregiudizi cognitivi in quei modelli decisionali è stata rivoluzionaria.

È così che è emersa l’economia comportamentale, soprattutto grazie al dottor Daniel Kahneman e al dottor Amos Tversky, i primi psicologi ad essere insigniti con un premio Nobel per l’economia. Hanno sviluppato una nuova teoria, principalmente mirata ad integrare la nozione di avversione alle perdite e la distorsione delle probabilità ai modelli economici classici, chiamata teoria della prospettiva.

La teoria della prospettiva afferma ciò che abbiamo illustrato con i nostri bottoni rosso e blu – che le persone non valutano i guadagni e le perdite allo stesso modo, perché non siamo guidati puramente dalla logica e dalla ragione. La teoria è generalmente considerata come una spiegazione più accurata di come prendiamo decisioni relative a guadagni e perdite.

Come possiamo applicare la finanza comportamentale?

Tutti questi concetti non sono destinati a rimanere teorici ma ad essere applicati nella finanza. I consulenti finanziari devono incorporare questi concetti nelle strategie di investimento per gli investitori. E altrettanto essenziale che gli investitori cerchino di identificare i propri pregiudizi cognitivi per prendere decisioni più illuminate. Sarà entusiasmante vedere come i fornitori di servizi finanziari emergenti utilizzeranno le intuizioni della teoria della prospettiva per catturare le vere preferenze di rischio degli investitori nel tentativo di servirli meglio. E, cosa più importante, per offrire servizi di investimento con una migliore comprensione dell’umanità.

 

***

Dichiarazione di non responsabilità:

Alpian ha presentato una richiesta per la piena licenza bancaria all’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA). Il contenuto di questa pubblicazione è a solo scopo d’informazione. Pertanto quest’ultima non è da interpretarsi come consulenza legale, fiscale, d’investimento, finanziaria o di altro genere.

Group 7 Articolo, 6 minuti di lettura
Circa l'autore
Tiphaine Saltini
Co-founder of Neuroprofiler

Laureata alla HEC e all'ENS Ulm/Harvard, Tiphaine Saltini ha lavorato nel settore bancario privato mentre completava il suo dottorato in finanza comportamentale alla Sorbona. Appassionata di scienze cognitive, ha fondato Neuroprofiler nel 2016, con Julien Revelle, esperto di Machine Learning e Finanza Quantitativa. Neuroprofiler è un gioco di finanza comportamentale che valuta le preferenze di investimento in linea con le normative MiFIDII/LSFin.